Diario di un Commissario Tecnico

L'ho visto qualche tempo fa, prima dell'europeo.
Era in un pub, con la moglie e due amici, e forse anche anche il fatto di vedere "uno famoso che stava lì come tutti gli altri" (lo so, è un pensiero molto banale), me lo ha reso ancora più simpatico e stimato di quanto per me non lo fosse già.
Avevo detto che non avrei parlato molto di calcio, ma in questo post vorrei provare a parlare della persona, immedesimandomi in lui.

"Luglio 2006. Ricevo una telefonata, è il Commissario della Figc. Stanno incasinati, perchè lui ha lasciato dopo aver vinto, non sanno ancora quanto questo commissariamento durerà, e devono pensare a come continuare il lavoro con la nazionale. Mi propongono la panchina. Della nazionale che ha appena vinto il mondiale. E' un treno che passa una volta nella vita (o se sei fortunato, due). Ma non è certo facile. Accettando, se vinco, non è certo merito mio, ho solo fatto il mio dovere. Se perdo, la colpa è mia e basta. Sarò sempre attaccato da tutti i media, i paragoni non si esauriranno, e lui aveva vinto. Insomma, è una sfida durissima.
Accetto.

Settembre 2006. La situazione attorno è pessima. Dopo aver perso un'amichevole, pareggiato in casa con la Lituania, ieri la Francia ce ne ha fatti tre. E tutti ad attaccarmi, a cominciare con i paragoni con la finale. Ma che vogliono che dica? "Di quella partita non m' importa niente, chiaro che questa non è andata bene". Eccheccazzo. Nessuno sentirà da me le parole "siamo i campioni del mondo". Io non lo sono, lui lo è stato, i giocatori lo sono stati, non sarà mai un mio vanto nè una giustificazione. Sarà solo la mia croce. Ma io so, a differenza degli altri, che la squadra una personalità ce l'ha ancora, è solo stanca. E ci mancherebbe altro, praticamente l'estate l'ha vissuta poco e male, la nuova stagione deve ancora cominciare e tutti hanno ancora in mente i festeggiamenti. Le cose cambieranno, anche se non mi crede nessuno.

Dicembre 2007. Ora tutti hanno paura di noi. Avevo ragione, ma non lo dirò mai. Dopo 8 vittorie e un pareggio, ora il sorteggio dirà, ma nessuno ci vuole, lo so. Speriamo in un buon girone…
– Olanda
– Romania
– Francia (ANCORA?)
Molto fortunato io, eh? Ma lascio agli altri le polemiche. "Se devo essere sincero, avevo un forte presentimento. Ero convinto che ci sarebbe toccato un girone complicato: ma è un' altra grande avventura da vivere serenamente". Di nuovo la Francia, di nuovo le polemiche? "Dipenderà dal buonsenso di ognuno, compresi i media. E non sarà sufficiente predicare bene: bisognerà anche razzolare bene". Insomma, non cominciamo a parlare da ora di partita della vita…

Giugno 2008. Cannavaro s'è rotto, la metà dei miei è in condizioni fisiche pietose. Non mi interessa. Non voglio giustificazioni e certo non ne avrò da nessuno. Giochiamocela e basta.

Ora sarà dura. Con l'Olanda è stata una batosta, con la Romania non siamo certo stati fortunati (e non lo è stato nemmeno l'arbitro. Ma lo dico a bassa voce, mica lo urlo, io). E chi è quel cretino che pensa che chiamo Marco per dirgli di vincere con la Romania? Ma che uomo da niente sarei? Noi dobbiamo vincere contro la Francia e basta, il resto si vedrà.

Le cose cambiano, e dopo una vittoria ora tutti a parlare bene. Come se tutto possa cambiare dopo una partita. Come se i miei modi di fare possano cambiare. Ora c'è la Spagna, e basta. Cambierò ancora formazione perché dovrò farlo. Chi è che dice che cambiare la formazione è sintomo di idee poco chiare? Cambiare formazione è avere un gruppo in cui tutti fanno la loro parte, e chi in questa o quella partita è in grado di dare il meglio, gioca. Chi avrebbe scommesso su Chiellini e Panucci? Io l'ho fatto.

C'è chi, dopo aver superato gli ottavi con un rigore dubbio al 92°, è stato giustamente osannato per tutto quello che la sua squadra, prima e dopo, è riuscita a fare. Io sono stato meno fortunato, ma non farò certo paragoni ora. Ora mi daranno il benservito, e tutti si sorprenderanno, perché ne hanno parlato tanto i giornali, del mio ritocco sul contratto, quando invece non ho chiesto un euro. Tutti sorpresi? Vuol dire che ancora non avete capito chi sono. Non voglio una buonuscita se le cose non vanno come ci si aspetta, ho solo chiesto un rinnovo automatico se i risultati fossero stati buoni. Questa è stata una via di mezzo, ed è andata così. Ma rifarei tutto, perché esco a testa alta e senza sbattere i piedi. E se non se ne sarà accorto nessuno, poco mi importa. La mia coscienza è pulita. Torna lui? "Se ne parla da due anni, ognuno ha il suo modo di proporsi, e non sono io a dover insegnare agli altri come comportarsi. Al presidente Abete non ho chiesto se c'è stato un incontro con Lippi. Ognuno è libero di fare quel che vuole, io non discuto i comportamenti degli altri. Non voglio cadere in mancanza di eleganza"."

Non è mai caduto in mancanza di eleganza. Ed è un peccato che non sia più l'allenatore della nazionale. Di sicuro, per chi non sta a guardare solo i risultati, secondo me è una brutta perdita.
Questo vuole essere un omaggio per una persona che si è comportata da signore. Spero sia gradito, se per puro errore e per assurdo si ritrovasse a leggerlo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in sportivamente e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Diario di un Commissario Tecnico

  1. riley ha detto:

    Perchè mai hanno dato la nazionale auno trombato dal Livorno perchè lo stava portando in B e sostituito da tale Carletto Mazzone famoso perchè è arrivato all’età di 65 anni quasi senza vincere un kaiser? io dico che gliel’hanno data perchè intimo amico di tale Albertini che non si sa per quali meriti ricopra la carica di vice presidente federale.
    fu lui, appoggiato da Galliani a proporre Donadoni e si è visto da quanti giocatori del milan si è portato dietro pur facendo il Milan schifo da due anni e passa !!! però è vero , cadute di stile mai , ma nel calcio i risultati contano di più.

  2. riley ha detto:

    ma … scusa ma mi hai cancellato il commento?

  3. riley ha detto:

    ah no , è splinder che oggi è fenomenale!!!

  4. littlecaesar ha detto:

    “Dopo un periodo di inattività di qualche mese, nel gennaio 2005 è richiamato da Spinelli a Livorno per sostituire l’esonerato Franco Colomba. Alla sua prima esperienza da tecnico in Serie A, con gli amaranto conquista l’8° posto in classifica e ha il merito di favorire l’affermazione ai grandi livelli dell’attaccante Cristiano Lucarelli, che alla fine della stagione 2004/2005 risulta il capocannoniere con 24 gol. Confermato alla guida dei toscani anche per la stagione 2005/2006, si dimette nel febbraio 2006 dopo 23 giornate di campionato in seguito alle critiche rivoltegli dal presidente Spinelli e nonostante la sua squadra si trovasse al 13° posto dopo un buon inizio di campionato.”Fonte: Wikipedia Giusto per la precisione

  5. riley ha detto:

    Geeeeeeeesù , ma ti sembra il degno curriculum del CT dei Campioni del Mondo?

  6. littlecaesar ha detto:

    Trovami uno che abbia la faccia da mettere per prendere in mano una squadra dopo una vittoria del mondiale.Tutto da perdere, poco da guadagnare.

  7. riley ha detto:

    si ok , appunto , tutta la mia ammirazione dal punto di vista umano , ma tecnicamente si desse all’ippica , sono daccordo , ha fatto da parafulmine , ma non vedo dove sia lo SHOCK ora che si cambia allenatore , cioè Moratti ha silurato Mancini dopo che ha vinto lo scudetto e Donadoni si inchioda sulla croce dopo un europeo così deludente?

  8. littlecaesar ha detto:

    Posto che, all’inter, via un antipatico arriva uno antipaticissimo (e sono interista), ho scritto infatti che volevo parlare del Donadoni uomo, non allenatore. Tecnicamente, lascio a Biscardi e company tutte le critiche, anche perchè non credo che di parlarne si finirebbe mai.

  9. Zanzi ha detto:

    Forse sarò cinica, ma di un allenatore di calcio credo che sia necessario vedere solo i risultati, o comunque prima di tutto quelli. Sicuramente Donadoni è una bella persona, si è comportato da vero signore e di certo non sarebbe stato facile per nessuno accettare quell’incarico in quel momento, ma le sue scelte in campo sono state davvero discutibili. Incrocio le dita per il futuro!
    P.S. Grazie per la visita, ciao!

  10. riley ha detto:

    cazzo , ma la zanzi è ovunque , attenzione ragazzi , si sta espandendo come un virus! littlecaesar , vieni a visitare questo multiblog , interattivi.splinder.com , intanto ti mando l’invito nel caso avessi voglia di parteciparvi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...