Onorevoli figuracce

Posto qui un interessante scoperta (per correttezza, ecco i link dei blog di Vittorio Zambardino e Guido Scorza ):

Repubblica.it
Tra i disegni di legge per la rete merita una particolare attenzione quello presentato dall’onorevole Gabriella Carlucci. Guido Scorza, avvocato, giurista e blogger, ha fatto una scoperta singolare, anzi due: che l’onorevole Carlucci ha un consulente segreto che con il tema trattato nel testo non avrebbe niente in comune, e che nel disegno c’è uno strano contrabbando terminologico. Ecco il messaggio che mi ha mandato:

Caro Vittorio,
L’On. Carlucci, nei giorni scorsi, ha finalmente, pubblicato in Rete la sua ultima iniziativa legislativa: una proposta di legge intitolata “Internet territorio della libertà, dei diritti e dei doveri”.
La notizia potrebbe finire qui con un invito a leggere il testo della proposta ed un solo commento: dopo l’emendamento D’Alia e il ddl Barbareschi, si tratta di un ennesimo attacco alla Rete.
Ma, in questo caso, c’è di più perché l’On. Carlucci prima di pubblicare la proposta sul suo blog ha avvertito l’esigenza di replicare alle critiche diffusesi in Rete all’indomani delle prime indiscrezioni sulla proposta medesima e nel farlo ha sottolineato con forza e passione che la propria iniziativa affonda le radici nell’esigenza di difendere i nostri bambini dal fenomeno della pedofilia on-line.
Come non plaudire a tali buone intenzioni?
Peccato solo che leggendo il testo della proposta e la relazione di
accompagnamento non si trovi nessuna traccia della volontà di reprimere il fenomeno della pedofilia online – in relazione al quale, per inciso, il nostro Paese è dotato di un efficace sistema di strumenti giuridico-operativi – ma, piuttosto, la solita preoccupazione per la tutela degli interessi dell’industria audiovisiva contro il fenomeno della pirateria online.

Malignità gratuite potrebbe dire qualcuno.

Niente affatto perché nel commentare la proposta di legge Carlucci, guardando nelle proprietà del file .doc pubblicato dall’Onorevole sul proprio sito mi sono accorto che il documento è stato redatto utilizzando un software intestato a Davide Rossi, Presidente della Univideo.

Se un’iniziativa legislativa viene presentata dall’On. Carlucci – già protagonista della conversione in legge del famigerato decreto Urbani anti P2P – è scritta dal Presidente della principale associazione di categoria dell’industria audiovisiva e ha il profumo dell’antipirateria…è lecito almeno dubitare che la reale intenzione fosse difendere i bambini dalla pedofilia online.

Guido Scorza

Beh…effettivamente…
 image

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in girovagando sul web, io blog - tu blog, politica e attualità. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...