L’ultimo trucchetto

Anche uno studente del primo anno di Scienza delle comunicazioni – facoltà che peraltro Silvio B. giudica inutile, vuoi mettere come si impara a comunicare sul campo, a bordo piscina – avrebbe capito alla terza riga la reale natura dello scritto. Un anticipo di campagna elettorale, un trucchetto propagandistico da mercante di patacche: si tende la mano all’avversario a cui fino a un minuto prima si sono dati calci in bocca, quello naturalmente non ci pensa nemmeno e così si può cominciare ad urlare disfattisti, antitaliani, vi avevo proposto di fare le riforme e non avete voluto, irresponsabili, siete voi che non volete collaborare.

(Fonte:Concita De Gregorio, su l’Unità )

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in giustizia, politica e attualità e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...