Italia di merda

Giusto qualche mese fa avevo pubblicato la famosa intervista di Luttazzi a Travaglio. Mi ricordo benissimo la frase di chiusura di Luttazzi e le polemiche che ne seguirono:

Io mi chiedo, caro Marco, in che paese viviamo. Comunque volevo ringraziarti perché tu, facendo questo libro, dimostri di essere un uomo libero, e non è facile trovare uomini liberi in quest’Italia di merda

Le polemiche furono tante, e i detrattori si concentrarono molto anche su questa ultima frase (avete presente il detto sulla luna, il dito e lo stolto?).

A me una frase del genere non piace per niente, in nessun suo contesto, ma il concetto, è evidente, è quello di contrapposizione. L’Italia è una merda, ma per fortuna ci sono uomini liberi. Insomma, un po’ di speranza, un qualcosa di positivo, lo trovi.

Invece quelli che dicono “Basta, me ne vado da questo posto di merda”, sono quelli che non hanno le palle, che si arrendono, e che non credono di poter cambiare le cose o anche solo di trovare la soluzione per renderlo migliore.

Ecco, queste persone qui proprio non le sopporto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in politica e attualità, vergogna e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Italia di merda

  1. anonimo ha detto:

    PATRIA

    Povera mucca
    color neve e carbone
    e occhi a mezza luna
    legata con catene
    alla staccionata Europa
    e tutti a spillar latte
    notti e giorni
    e pochi pietosi in affanno
    a portargli da mangiare

    Poi qualcuno ha incominciato
    a rubare pastura e acqua
    e lentamente le ossa
    divenute impalcatura
    del muggire agonia

    Altri si sono guardati le scarpe
    slacciati le cinghie
    hanno stimato anche la pelle
    e con slogan salvifici
    mentalmente sono diventati calzolai

    Dal grembo i bimbi
    chiedono svezzi
    prima del parto
    -i vecchi s’abituano
    a nuovi cappuccini
    di vino e caffè

    Dal macello
    a mettere d’accordo tutti
    uscirà una pergamena
    con scritta la parola
    …..AMEN……………………

    Piangono i morti a Caporetto
    si sciolgono lacrime alle Alpi
    s'inabissano croci alla memoria

    Pasteggia nefasto il tarlo
    coi libri di storia
    ————————–
    Da:Destini E Presagi
    http://www.santhers.com 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...