Un po’ mi dispiace…

…perchè avrò anche avuto da ridire, e tante volte.
Perchè il servizio, inizialmente all'avanguardia, è rimasto allo stesso livello di allora, e in un mondo come quello del web, che cambia a una velocità frenetica, significa rovinare una bella creazione.
Perchè Twitter ha 140 caratteri, Facebook permette di condividere con facilità, ma se vuoi esprimerti al meglio, non c'è niente che possa sostituire un blog.
Perchè i (tanti) periodi di silenzio, nonostante non abbia mai avuto un numero elevato di lettori, mi facevano sentire in colpa, perchè ti danno sempre la sensazione di non avere il tempo di esprimere le tue opinioni, non avere il tempo di pensare.
Perchè il primo messaggio è datato settembre 2003, (oltre OTTO anni fa!) e nel frattempo ho cambiato case (tante), città, stato civile, lavoro, ma il blog restava sempre quello.
Perchè ho cambiato tante volte il template, imparando anche il linguaggio html perchè fosse come lo volevo io.
Perchè nonostante tutti i cambiamenti, l'indirizzo è sempre rimasto lo stesso
Perchè anche se sposterò tutto il pubblicato su un'altra piattaforma, questo blog mi mancherà.
Perchè anche se lo stile e i messaggi non cambieranno, basterà il cambiamento di url per renderlo completamente diverso.
Perchè nonostante si vedesse che la piattaforma Splinder non migliorava da molti mesi, togliendo funzionalità anzichè aumentandone, non riuscivo a trasferirmi altrove.
Perchè il 31 gennaio sarò stupidamente un po' triste.

Per questo, ancora oggi, non voglio dare il nuovo indirizzo del mio blog. E per questo non ho ancora spostato i messaggi "di là".
Perchè prima volevo scrivere questo breve messaggio d'amore verso questo blog.
E chissà, se arrivassimo alle cinquantamila visite sarebbe un bel traguardo.
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in io, io blog - tu blog e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Un po’ mi dispiace…

  1. anonimo ha detto:

    Siete sempre i soliti conservatori, voi comunisti! 😉

  2. littlecaesar ha detto:

    Carnazzo, la contraddizione nel tuo commento è molto simile a quella di quel tassista con un cartellone con scritto "siamo vittime dell'ultimo governo comunista nel mondo". Un governo definito comunista perchè punta a fare approvare un decreto sulle liberalizzazioni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...