Parma. Italia.

Sembra che uno se la vuole prendere con Grillo e il suo Movimento non-partito. Ma non è così. O meglio, non è così per principio, lo è per logica.

Parma è la “Stalingrado grillina”, la città cavia, dove tutto viene sperimentato e fatto alla luce del sole.

FATTO ALLA LUCE DEL SOLE!

Tutti sanno come sono andate a finire le elezioni di Maggio: il sindaco eletto è Federico Pizzarotti, Movimento 5 Stelle. Il primo sindaco di una grande città proveniente dal non-partito che si basa sul non-statuto scritto da non-persone (dato che chi l’ha scritto, quel non-statuto, non si sa) scelte da non-associati tra i non-iscritti sul non-sito che porta il nome del non-fondatore proprietario unico del simbolo etc etc.

Parma, dicevamo. La città cavia, l’esperimento 5 stelle (30 sul campo, secondo la juventus). Nelle altre città tutti i sindaci hanno scelto i propri assessori, formato la giunta e, in alcuni casi, prese le prime delibere.Parma no. Parma è speciale, come il suo sindaco. Gli assessori non sono scelti come nei partiti, quei cattivoni che prendono decisioni in assemblee chiamate con nomi d’epoca come “direzioni”, “comitati” o robe così, sempre lunghissime e noiose. A Parma gli assessori vengono scelti con i curriculum/a (decidete voi come dirlo).

Primo piccolo problema: quel singolo curriculum chi lo valuta? La risposta sul loro sito non può non far sorridere: “Noi”. Ma se dicevate che non si può più delegare ad altri?!? Vabbè, solo questa volta, però.

Secondo problema. Il curriculum viene scritto da una persona, giusto? Bene, secondo voi quella persona dirà mai, che so, che truffa lo stato? Che non paga le tasse? Che ha alle spalle una condanna per un omicidio colposo? O magari un fallimento (che, per non-regolamento comporta l’esclusione da qualsiasi carica amministrativa)?

E’ il caso dell’ex assessore all’urbanistica della città. Si tratta di Roberto Bruni, nominato assessore solo il 20 giugno e dimessosi il 21 (neanche Brancher era stato così rapido). Si tratta, come sempre accade in politica, di scelte. Prese da chissà chi. E oggi il sito degli assessori del non partito a Parma fa un tantino sorridere… Attenderemo un altro mesetto? E poi, sti cacchio di curriculum/a, quanti saranno, se Pizzarotti e i suoi ci stanno tanto a leggerli? Nell’attesa, il debito milionario della città non diminuisce, temo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...