Alleanze, equilibri e speranze

Le dichiarazioni di Bersani degli ultimi giorni non sono delle novità rispetto a quanto detto precedentemente. Può risultare nuovo a chi ha ritenuto la coalizione di centrosinistra vincente in partenza, mentre così non è – fortunatamente; altrimenti il voto sarebbe da abolire in quanto inutile – e d’altronde lo stesso Bersani ripete come un mantra il concetto di “governare come se si fosse al 49% anche se si ha il 51% dei rappresentanti”.
Al contrario, questo è il punto di base della politica del Partito Democratico, ovvero essere un partito responsabile, terminologia abusata e privata del suo significato primario, così come altre (ma di questo ne parla già Francesco Costa nel suo blog ).
Nel caso in cui malauguratamente non ci fosse un partito o una coalizione in grado di garantire una maggioranza in entrambe le camere, le alternative sarebbero l’allargamento della maggioranza ad altre forze politiche oppure il ritorno alle urne, con un periodo di instabilità ed il rischio che si ripresenti la stessa situazione una seconda volta.

Ma se anche fosse una dichiarazione “strategica”, anche in questo caso non ci vedo nulla di male, specialmente se si parte da un punto fermo quale la coalizione di partenza, avendo stilato un programma condiviso. Tuttalpiù si può parlare di una riposizione del partito, che si propone come “parte di centro” della coalizione, che può trovare in Monti un referente nel dialogo per delle riforme condivise e necessariamente allargate, come quelle costituzionali, essendo una coalizione “vicina” ma allo stesso tempo “distante” per molti punti del programma.

Perchè, diciamoci la verità, in questo bailamme di propaganda elettorale, il partito che ci ha rimesso di più non è certamente il Pd, comunque stabilmente primo secondo tutti i sondaggi, quanto Sel di Vendola che, da un dignitosissimo 15,6% delle primarie di Novembre, quando contro di lui c’erano la sicurezza di Bersani e la novità rappresentata da Renzi, oggi si ritrova con uno striminzito 4% (facendo un confronto col dato precedente, è come se alle primarie avesse ottenuto l’ 11%) , secondo gli ultimi sondaggi pubblicati.

Certo, Vendola paga il fatto di proporsi come partito di governo e non di opposizione, ma questo, pur perdendo in termini di voti, dovrebbe essere un vanto ed un attestato di credibilità, oltretutto supportato da esempi validissimi (Pisapia a Milano e lo stesso Vendola in Puglia, per dirne due), ma a mio parere questo non è stato recepito dall’elettorato, o non è stato promosso nel modo migliore in campagna elettorale dal suo partito.
La paura di Vendola di venire “annacquato” da Bersani e Monti, in realtà, a mio parere ha una causa nel non aver fornito un supporto elettorale forte, e tale da mostrare Sel non subalterna al Pd (il distacco è enorme, un elettore di Sel ogni 7,5 che voterebbero Partito democratico), ma un solido pilastro che bilancerebbe maggiormente a sinistra la forza di coalizione.

Ma non tutto è perduto, anzi. Un’apertura – strategica o meno – al centro da parte del Pd, se proposta nel modo corretto, potrebbe far recuperare al Pd una parte di elettorato moderato ancora incerto nello scegliere tra Bersani e Monti, e portare Sinistra Ecologia e Libertà, se gestirà bene quest’ultimo periodo di campagna elettorale, ad avere maggiore visibilità, più voce in capitolo e più voti, sottraendoli a partiti esterni alla coalizione (Ingroia e Grillo) e scongiurando la necessità di alleanze più o meno forzate al momento della formazione di un governo.

Non so se questo è lo scenario che si prospetta o meno, ma di certo è questo che spero.

(nota: tra il pensare e lo scrivere un articolo, se va bene passa anche una giornata. Nel frattempo, Stefano Menichini ha trattato lo stesso argomento traendo più o meno le stesse conclusioni, e scrivendolo ovviamente molto meglio del sottoscritto)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...